Call for papers di Forum di Quaderni costituzionali Rassegna – “6-3: faglie ideologiche e nuove linee di tendenza della Corte suprema statunitense”

A partire dal term iniziato il 1° ottobre 2021, all’interno della Corte suprema americana è presente quella che è stata definita una conservative supermajority; sei dei nove giudici (Roberts, Alito, Thomas, Gorsuch, Kavanaugh e Barrett) hanno, appunto, un orientamento conservatore, mentre solo tre (Breyer, Sotomayor e Kagan, col primo dei tre da poco sostituito da Ketanji Brown Jackson) hanno un orientamento liberal.

Questa faglia all’interno Corte suprema è risultata molto evidente in una recente decisione che ha avuto ampia eco anche in Italia, Dobbs v. Jackson, a seguito della quale – ribaltando un precedente del 1973, Roe v. Wade – è venuta meno la copertura costituzionale federale degli abortion rights.

La contrapposizione appena evocata è emersa con chiarezza anche in occasione di altre sentenze, pure decise con una maggioranza di sei voti contro tre.

Le pronunce a cui si allude sono, ad esempio, Vega v. TekohKennedy v. Bremerton School DistrictNew York State Rifle & Pistol Association, Inc., Et Al. v. Bruen, Superintendent Of New York State Police, Et Al., Carson, as Parent and Next Friend of O. C., Et Al. V. MakinWest Virginia v. EPA.

Ulteriori sviluppi potrebbero aver luogo anche durante il term iniziato il 3 ottobre 2022, dal momento che sono pendenti davanti alla SCOTUS diverse questioni su cui potrebbe riproporsi la frattura tra le due anime della Corte, appena evocata; si pensi, ad esempio, ai possibili effetti di alcune decisioni in materia di positive actions (in particolare, a seguito delle pronunce sui casi Students for Fair Admissions Inc. v. President & Fellows of Harvard College o Students for Fair Admissions, Inc. v. University of North Carolina ) in materia di protezione dell’ambiente (Sackett v. Environmental Protection Agency), o in materia elettorale (Merrill v. Milligan).

Il Forum di Quaderni costituzionali – Rassegna ha già pubblicato, nel mese di ottobre 2022, alcuni commenti relativi alle sentenze Dobbs v. Jackson, New York State Rifle & Pistol Association vs. Bruen, Vega v. Tekoh, pervenuti alla redazione durante il mese di agosto.

La direzione invita le studiose e gli studiosi di diritto costituzionale e di diritto comparato a inviare dei commenti alle pronunce sopra elencate, ovvero ad altre sentenze della Corte suprema del term passato e di quello corrente, purché decise con una maggioranza ‘6-3’ e latrici di una significativa discontinuità con la pregressa giurisprudenza della stessa Corte suprema o comunque innovative. Le Autrici e gli Autori, in particolare, dovrebbero verificare se l’esistenza della succitata supermajority abbia influito sull’iter logico-argomentativo della Corte suprema, evidenziando come la frattura fra le due anime possa aver determinato l’esito delle questioni di specie.

La direzione della rivista potrà sollecitare direttamente possibili Autrici e Autori, dal momento che sarà possibile pubblicare più note relative alla stessa decisione.

I contributi, idealmente, dovranno avere una lunghezza compresa fra le 20.000 e le 40.000 battute (spazi inclusi). La pubblicazione dei contributi avverrà previo referaggio, come da regolamento della Rivista.

 

Contributi già pubblicati

Vega v. Tekoh (Miranda warning)

La decisione Vega v. Tekoh: i Miranda Rights come regole profilattiche e il conseguente svuotamento delle garanzie (e dei rimedi alla lesione) dei diritti dell’indagato negli Stati Uniti d’America – L. Fabiano

Vega v. Tekoh e la controversa natura dei «Miranda warnings»: diritti costituzionali o mere «prophylactic rules»? – A. Oddi

Vega v. Tekoh: secondo la Corte Suprema i Miranda warnings non sono diritto costituzionale – G. Cotti

New York State Rifle & Pistol Association, Inc. v. Bruen (armi)

Tra passatismo, incomunicabilità ed estremismo, la Corte suprema statunitense sacralizza il diritto a portare armi – P. Passaglia

Tutta un’altra storia. Il diritto di girare armati e la legislazione sulle armi alla prova del nuovo (e manipolabile) test storico: prime note a margine di New York State Rifle & Pistol Association, Inc. v. Bruen – A. Fiorentino

Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization (aborto)

Dobbs v. Jackson: quando la manipolazione della Storia stravolge l’ordinamento giuridico – E. Falletti

La decostituzionalizzazione del diritto all’aborto negli Stati Uniti: riflessioni a partire da Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization – E. Stradella

Altri contributi pervenuti

Modificare la composizione della Corte suprema? Appunti in tema di life tenure, Court-packing e filibuster – D. Casanova

 

 

 

Utilizziamo cookie (tecnici, statistici e di profilazione) per consentire e migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.  Sei libero di disabilitare i cookie statistici e di profilazione (non quelli tecnici). Abilitandone l’uso, ci aiuti a offrirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy

Alcuni contenuti non sono disponibili per via delle due preferenze sui cookie!

Questo accade perché la funzionalità/contenuto “%SERVICE_NAME%” impiega cookie che hai scelto di disabilitare. Per porter visualizzare questo contenuto è necessario che tu modifichi le tue preferenze sui cookie: clicca qui per modificare le tue preferenze sui cookie.